Il nuovo anno è iniziato e gennaio è quasi al termine. Solitamente si fanno mentalmente propositi per migliorare la propria vita, a volte si scrivono, per averli davanti agli occhi e non perderli di vista. 

La pratica e lo studio dello yoga e della meditazione rientrano tra questi propositi. Ma a volte la pigrizia può prevalere e farci rimandare il momento prezioso in cui srotoliamo il nostro tappetino. 

Quest’anno in effetti abbiamo una scusante obiettiva: è quasi un anno che viviamo questa situazione di incertezza, paura e isolamento.

Ma è proprio in situazioni come questa che il tappetino si rivela lo spazio sacro nel quale riconnetterci con il nostro sé. 

Stiamo affrontando questo momento delicato e anche se sono cosciente che ci sono problemi ben più gravi del dover stare a casa bloccati per tanto tempo, credo che non per questo il nostro stato d’animo debba passare in secondo piano.

Come ci sentiamo determina la nostra esistenza, quindi è importante curare il nostro umore.

Nessuno era pronto a perdere la propria vita quotidiana da un giorno all’altro, né la propria libertà, pur quanto fosse limitata.

Quindi in questo articolo vorrei proporti degli spunti per affrontare questo momento sfidante per trarne anche prospettive positive. 

Personalmente tramite la pratica e la meditazione ho perfezionato la mia capacità di trovare l’equilibrio anche quando le condizioni non sono ottimali, e ti assicuro che non è così difficile.

In questo ultimo anno ho compiuto un cambiamento importante (mi sono trasferita da una grande città a una provincia al mare) ma finché sono stata dove non volevo più stare ho cercato -proprio per non vivere nella frustrazione- di praticare yoga, meditare, leggere, studiare, progettare, sognare ad occhi aperti… e la vita non sembrava affatto priva di luce come poteva sembrare.

Adesso sono dove desideravo essere, e per realizzarlo mi sono impegnata, ho progettato e mi sono lasciata andare al flusso, fiduciosa in quello che la vita mi avrebbe regalato (ed è andata benissimo!).

Quindi ti voglio lasciare i miei consigli per rendere questo periodo di pseudo quarantena più luminosa!

5 cose che mi hanno aiutato a ritrovare il mio equilibrio

  1. Yoga e meditazione

Ovviamente cosa ti aspettavi da me? Yoga e meditazione :))))

Praticare mi aiuta da sempre a controllare le mie emozioni e il mio stato mentale.

Lo Yoga ha il potere di portarti in un luogo dove solo tu hai il controllo del tuo corpo, della tua mente e della tua anima.

La pratica ti connette al tuo respiro, che contiene la tua energia personale, e ti rende consapevole. Finalmente vivi nel momento presente. 

Magari dura “solo” il tempo della pratica ma è un piccolo prezioso seme che hai interrato 😉

Attraverso gli asana e la meditazione puoi fare esercizio di controllo sulla tua mente. Perché solo tu hai questo potere. Ed è molto importante imparare a gestire la mente. 

I problemi ci saranno sempre, così come i momenti difficili, dolorosi, ma se hai il controllo della mente puoi affrontarli con serenità.

Meditare poi libera la mente, costringe ad affrontare la propria vulnerabilità e le emozioni, e aiuta a focalizzarsi sull’interno e a vedere con occhi nuovi e ‘leggeri’ fuori.

2. Pratica (yoga) o una qualsiasi attività fisica

Semplicemente perché se individui una attività che ti piace, per la quale hai voglia di muoverti, ne avrai esclusivamente benefici fisici e mentali.

Siamo fatti per muoverci… e solo ogni tanto per stare sul divano! (Anche se rimane uno dei miei posti preferiti, lo confesso)

Se non hai una attività fisica che già pratichi, fai delle prove, individua quella che ti entusiasma e poi inizia a praticare con costanza. 

Non devi per forza fare un allenamento come se dovessi affrontare una gara.

Il primo passo è iniziare; il lavoro più duro sta nel trovare la costanza.

In questo momento particolare puoi sfruttare internet per questo: ci sono piattaforme che offrono tutorial e allenamenti online.

Puoi vedere i miei video sul mio canale YouTube o ancora meglio praticare online con me 🙂

3. apprezza un pasto preparato con amore

Non so se con la scusa del lockdown e quindi dello stare a casa, tu ti sia dedicata a cucinare o ti sia rilassata ordinando i tuoi pasti e ricevendoli a casa, ma in entrambi i casi il cambio di ritmi quotidiani -da frenetici, con pranzi fuori casa mangiati distrattamente allo stare in casa e poter mangiare seduti, con calma- può essere sfruttato per apprezzare i pasti. 

Avere il tempo per preparare qualcosa che ti piace a casa tua non è più così scontato, anzi, è diventato un privilegio di pochi.

E per questo penso che riacquistare questa usanza potrebbe essere un modo per ritrovare il proprio equilibrio.

4. Leggere e scrivere 

Qual’ è uno dei mie miei momenti preferiti della giornata? Quando mi siedo (a volte sdraio) sul divano con un libro in mano. 

Leggere per me è un’àncora di salvezza.

Tra le pagine dei libri viaggio in mondi sconosciuti, mi rilasso e allo stesso tempo riesco ad allenare la mente tenendola lontana dai problemi o dalle preoccupazioni quotidiane.

È il mio “rito coccola” quello di cui ho bisogno ogni giorno per prendermi cura di me.

Un’altra azione interessante è scrivere. Non si tratta necessariamente di un diario. E soprattutto come tutte le cose non devi essere uno scrittore per farlo. Scrivere è un grande sfogo e fa emergere la creatività: fa sentire bene. 

Quindi provaci. Scrivi quello che ti va: una lista (di cose da fare, di cose che sogni di fare nella vita, di posti che vuoi vedere, ecc.) un racconto, le idee che ti vengono in mente, ricordi che vorresti scrivere nero su bianco, quello che la mente ti fa affiorare… e se ti piace ovviamente anche un diario.

Scrivere i tuoi pensieri è di grande aiuto per mantenere il controllo della tua mente.

A volte può essere difficile dare voce ad alcuni pensieri, ma quelle parole ci sono, sono solo un po’ in profondità da andare a pescare. 

Trova le tue parole per conoscerti, e vedrai che troverai un’oasi di pace in quel piccolo atto di libertà.

5. Organizza le tue giornate con un’agenda e mantieni il focus sugli obiettivi

Una cosa che ho sempre fatto è organizzare le mie giornate. Per poi avere la libertà di accogliere gli imprevisti. 

Ho una passione (forse eccessiva) per le agende e i quaderni ma al di là degli oggetti amo l’organizzazione e non potrei farne a meno.

Ritengo comunque che sia utile per tutti. Anche per i disorganizzati.

Perché ti da una linea da seguire; poi se filerà tutto come da programmi avrai raggiunto il tuo obiettivo, quando invece (il più delle volte) la vita ti darà l’opportunità di vivere gli imprevisti imparerai ad affrontarli e gestirli con accoglienza e curiosità. Imparerai ad adattarti e ad apprezzare quello che viene. 

In questo periodo specifico, se sei costretta in casa, pianifica la giornata così da mantenere la concentrazione e non lasciarsi andare nello stimolo di non fare niente.

Un’idea può essere scrivere una lista delle cose che vuoi/devi fare, e concentrarti a portare a termine tutto.

Stabilisci degli orari per svolgere tutto, le cose che devi fare anche se non ti va e quelle piacevoli.  Vedrai che ti sarà di grande aiuto per non rendere le giornate sempre uguali, e non sentire che i giorni ti scivolano addosso passivamente.

Poi, ovvio, che se un giorno non hai urgenze, concederti un pomeriggio sul divano davanti alla tv non ti renderà una persona spregevole 😉

Semplicemente non farlo tutti i giorni. 

Perché abbasserebbe il tuo stato d’animo e soprattutto perché il tempo perso è perso per sempre.

Ecco questi sono i miei semplici consigli, buon lavoro e fammi sapere com’è andata! Scrivimi sulla mia pagina FB se vuoi, sarò contenta di leggerti 🙂

error: Content is protected !!